Torna alla panoramica

Come aziende e investitori si trovano dopo la MiFID II

MiFID II offre l'opportunità di migliorare significativamente la qualità delle vostre relazioni con gli investitori.

Markus Becker Markus Becker

    18 mesi fa, quando è entrata in vigore la MiFID II (Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari), le offerte di servizi completi di banche e broker per gli emittenti erano comuni. La Direttiva UE sui mercati finanziari, che mira a garantire una maggiore trasparenza e a proteggere meglio gli investitori, ha cambiato questa situazione. Ogni servizio fornito da broker e banche ha ora un cartellino con il prezzo. Il pacchetto completo che comprende la ricerca di titoli, l’accesso alle conferenze del mercato dei capitali e l’organizzazione e l’esecuzione di roadshow è quindi un ricordo del passato.

    Roadshow e conferenze: Nessuna garanzia di contatti di alta qualità

    Emittenti, fondi, gestori patrimoniali e altre società di investimento devono tutti trovare nuove modalità di accesso al capitale. Dopo tutto, gli investitori istituzionali, come gli emittenti, devono ora pagare per questi servizi – e spesso si concentrano sulle aziende dei principali indici. Ciò va a scapito delle piccole e medie imprese. Ciò va a scapito delle piccole e medie imprese.

    Anche i broker e le banche hanno risentito delle conseguenze del cambiamento delle condizioni di mercato. A causa della minore domanda di ricerca sui titoli – sia dal lato della compravendita – alcune case di ricerca hanno già ristrutturato i loro reparti di analisi e in alcuni casi li hanno ridotti di dimensioni. Inoltre, i roadshow sono stati più impegnativi da mettere insieme e alcuni hanno addirittura dovuto essere cancellati per mancanza di interesse da parte degli investitori istituzionali. La tendenza tra i broker è quindi quella di organizzare conferenze più grandi, alcune delle quali sono focalizzate sul settore, invece di roadshow individuali, per lavorare in modo più efficiente.

    Tuttavia, anche in occasione di questi grandi eventi non vi è alcuna garanzia per gli emittenti che vi troveranno effettivamente gli investitori desiderati.

    L’obiettivo dell’investitore paga

    Questa è una sfida per gli esperti di relazioni con gli investitori. Essi devono quindi mettere in atto misure per garantire che la loro azienda sia correttamente compresa e visibile, un prerequisito per una valutazione equa dell’azienda e per garantire la liquidità.
    In pratica ciò significa che gli emittenti devono decidere se continuare a utilizzare e pagare i servizi dei broker o almeno nella misura in cui si affidano ai loro broker.

    In che misura devono prendere in mano la ricerca di investitori e impegnarsi in un’attiva attività di targeting degli investitori. Sono sempre più numerose le aziende che, in seguito all’introduzione della MiFID II, hanno deciso di prendere questa decisione e cercano un contatto diretto con gli investitori.

    In questo modo riducono la loro dipendenza dai broker, le cui liste clienti si sono recentemente accorciate – e colgono l’opportunità di migliorare significativamente la qualità dei loro contatti con gli investitori.

    Il mantenimento dei dati degli investitori è fondamentale

    Con il targeting attivo degli investitori, il ruolo delle relazioni con gli investitori si sta evolvendo in una certa misura, perché l’IRO è più focalizzato sul contatto diretto con gli investitori istituzionali. Ma prima di poter raggiungere in modo proattivo gli investitori esistenti e potenziali, è necessario che essi li identifichino.

    Di norma, i professionisti dell’IRO dovrebbero conoscere la struttura azionaria della loro società e tenere d’occhio i cambiamenti. La comprensione di quali investitori sono coinvolti nel loro gruppo di pari – sia a livello locale che all’estero – consente anche un’analisi di mercato significativa e aiuta a identificare i fondi o i gestori patrimoniali che potrebbero essere interessati alle vostre azioni. Nella selezione di un IR CRM e di un database di investitori, la qualità dei dati degli investitori è di primaria importanza, in particolare la copertura globale e l’attualità delle informazioni.

    Naturalmente deve essere presentata in modo chiaro. Ma non è tutto: l’IRO deve mantenere e integrare continuamente questi dati (ad es. verbali delle riunioni, note di riunione), in modo da poter raggiungere gli investitori in modo mirato.

    Raggiungere gli investitori: Indipendenti, efficienti e mirati

    Il targeting attivo degli investitori è un modo efficiente per i gestori IR di essere più indipendenti dai broker e dalle banche quando comunicano con gli investitori. Ciò richiede molto lavoro. Tuttavia, i processi relativi all’analisi, alla valutazione dei profili degli azionisti e alla comunicazione possono essere automatizzati, il che migliora la qualità dei risultati e protegge le limitate risorse IR e il tempo prezioso del consiglio di amministrazione. Il tempo è quindi dedicato agli investitori che vogliono, possono e sono autorizzati a investire nella vostra azienda.

    Tenete traccia dei vostri attuali investitori e individuate potenziali investitori con il nuovo modulo per gli investitori nel
    EQS IR COCKPIT

    Per saperne di più
    Markus Becker
    Markus Becker

    Director Stock Surveillance and Corporate Access – EQS Group | Markus Becker fa parte di EQS Group dal 2017 e lavora come direttore della sorveglianza del magazzino e dell’accesso aziendale nella nostra sede di Monaco di Baviera.

    Contatto